Rimozione dell'MCB dalle emissioni nell’aria durante la manutenzione dell'OTR

Le multinazionali del settore manifatturiero che operano in Europa stanno assumendo un atteggiamento sempre più serio nei confronti delle proprie responsabilità ambientali, ad esempio adottando soluzioni per il monitoraggio delle emissioni atmosferiche prodotte in ogni parte del processo produttivo.

Problema

Presso il proprio stabilimento in Germania, una multinazionale produce il difenilmetano diisocianato (MDI), un intermedio chimico usato per la realizzazione di materiali a base di polimeri come il poliuretano (PU). Questo prodotto trova impiego in svariati settori: dalla produzione di sedili per auto a materassi e isolamento.

Il processo di produzione dello stabilimento utilizza il monoclorobenzene come solvente. Prima di poter essere liberate nell'atmosfera, le emissioni devono essere sottoposte a un trattamento per rimuovere la molecola di monoclorobenzene (MCB),

Tale sostanza è presente in una concentrazione di circa 300 mg/Nm3. Trattandosi di una sostanza tossica per la salute umana e per l'ambiente, il limite di legge è stato fissato a soli 20 mg/Nm3.

In questo impianto viene utilizzato un OTR per trattare le emissioni in modo che possano essere rilasciate in sicurezza nell’atmosfera. Ogni due anni, L'OTR deve essere spento per 15 giorni per un intervento di ristrutturazione radicale.

Per non interrompere l'attività dello stabilimento, l'azienda aveva bisogno di una soluzione di back-up da utilizzare durante il lavoro di manutenzione dell’OTR.

Soluzione

In precedenza, il sito era stato in grado di reinstradare le emissioni verso un impianto di trattamento termico alternativo in loco durante la manutenzione essenziale dell’OTR. Tuttavia, questo impianto era stato rimosso e l'azienda voleva passare a un impianto di trattamento con carbone attivo.

Su suggerimento di un membro dello staff, la direzione dello stabilimento ha contattato direttamente DESOTEC in virtù delle nostre precedenti collaborazioni con altre filiali della società a progetti di realizzazione di impianti di trattamento aria e acque in tutta Europa.

La nostra proposta unica di vendita (USP) consisteva nel fatto di disporre di soluzioni di filtrazione mobili che facilitano le installazioni temporanee.

Dopo opportune valutazioni, abbiamo appurato che il filtro più adatto sarebbe stato il modello AIRCON HC-XL, in grado di gestire la portata di emissioni richiesta di 2.500 Nm3/h, e l'abbiamo fornito in 10 giorni.

Risultati

Il filtro ha funzionato in modo efficace, riducendo la concentrazione di MCB nelle emissioni al di sotto del limite di legge.

Durante i lavori di manutenzione non è stato necessario fermare l'impianto: i filtri DESOTEC si sono quindi rivelati una soluzione economica.

I nostri filtri sono ora considerati una soluzione di back-up a lungo termine per l’OTR, soprattutto per gli interventi di manutenzione biennali.

Il cliente ha anche raccomandato la nostra soluzione a un sito gemello, la cui direzione era alla ricerca di una struttura permanente di back-up per evitare potenziali costose interruzioni dell'attività nel caso di uno spegnimento inatteso dell'OTR.

Sono sempre di più le aziende europee che prendono in considerazione il carbone attivo come alternativa valida e spesso vantaggiosa rispetto al trattamento termico delle emissioni atmosferiche.

Il carbone attivo è in grado di gestire meglio le basse concentrazioni di MCB, consentendo ai produttori di ridurre le emissioni nocive. Inoltre, mentre gli OTR sono efficaci nel rimuovere i COV come l'MCB, il processo di combustione produce anidride carbonica (CO₂), che è di per sé dannosa per l'ambiente.

Con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale e abbattere la pressione fiscale che colpisce le aziende più inquinanti, molte multinazionali si sono votate alla responsabilità sociale d'impresa.

Poiché il carbone attivo può essere riciclato e anziché bruciare i contaminanti li assorbe, produce meno emissioni di CO2 risultando una valida alternativa dal punto di vista ecologico rispetto ai metodi tradizionali di trattamento termico.

Contatta DESOTEC

Alla ricerca di soluzioni ottimali per il trattamento di emissioni inquinanti, molte aziende stanno considerando i filtri a carbone attivo DESOTEC grazie alla loro flessibilità, economicità e compatibilità ambientale.

Disponibili come soluzioni mobili noleggiabili su base mensile, i sistemi di filtrazione DESOTEC sono ideali come alternativa temporanea, come back-up a lungo termine o anche come sostituti degli ossidatori termici rigenerativi (OTR).

Contatta oggi stesso il nostro team di ingegneri per scoprire come le nostre soluzioni mobili di filtrazione a carbone attivo potrebbero aiutarti a migliorare l’impatto ambientale della tua azienda.

 

Presso gli impianti produttivi di DESOTEC, tutto il carbone attivo utilizzato viene analizzato in modo da poter prendere le giuste misure per la manipolazione e la rimozione del carbone esausto dai filtri mobili. Tutte le molecole che sono state adsorbite dal carbone attivo presso il sito del cliente, vengono desorbite all'interno dei forni di riattivazione DESOTEC. Questi contaminanti sono poi completamente distrutti, in conformità con la legislazione nazionale ed europea, mediante un impianto di combustione e neutralizzazione. L'intero impianto e le sue emissioni sono costantemente monitorati in linea, il che garantisce l'uscita dal camino solo di innocuo vapore acqueo.