Please be aware that these translations have been generated automatically, and while we strive for accuracy, they may not be entirely precise. We apologize for any potential inaccuracies and appreciate your understanding.

Rimozione degli odori in una fabbrica di cibo per animali nel Regno Unito

Le fabbriche alimentari, in particolare quelle che trattano carne e pesce, sono frequenti fonti di disturbo degli odori. È probabile che emettano composti organici volatili (VOC) e composti solforosi, con conseguenti lamentele da parte degli abitanti delle vicinanze. I filtri a carbone attivo DESOTEC sono in funzione in molti siti di questo tipo in tutta Europa, aiutando i clienti a garantire un'atmosfera priva di odori e buone relazioni con la comunità.

Il problema

Una fabbrica di cibo per animali, situata vicino a un'area residenziale nel Regno Unito, riceveva lamentele per gli odori. 

Inizialmente, l'impianto riteneva che la fonte principale potesse provenire dallo stabilimento principale, dove la carne e il pesce vengono trasformati in cibo per animali domestici e l'aria viene estratta dall'edificio tramite una presa d'aria sulla parete esterna. 

Erano anche a conoscenza degli odori che provenivano da uno sfiato in cima a un serbatoio di stoccaggio dei rifiuti alimentari alto due metri, situato all'esterno dell'edificio principale. Gli odori peggioravano quando i rifiuti venivano trasportati dall'impianto, facendo uscire l'aria all'interno del serbatoio attraverso lo sfiato. 

La soluzione

All'inizio del 2020, l'impianto è stato contattato in modo proattivo dal responsabile vendite di DESOTEC per il Regno Unito. 

Dopo averne discusso, l'impianto ha deciso di provare prima un filtro DESOTEC sul serbatoio di stoccaggio dei rifiuti, molto più piccolo. In caso di esito positivo, avrebbero installato un filtro separato, più grande, sullo sfiato dell'impianto principale. 

Sebbene l'azienda non avesse analizzato il flusso d'aria, gli ingegneri DESOTEC si sono avvalsi della loro esperienza per progettare una soluzione utilizzando il tipo di unità filtrante e il grado di carbone più adatti. 

Una volta ricevuto il via libera, abbiamo consegnato un filtro AIRCON 2000 C nel giro di due settimane, insieme a un tubo di collegamento e alle flange. Questo modello è adatto a un flusso d'aria ridotto, come quello proveniente da una presa d'aria. 

Seguendo le nostre indicazioni, i tecnici dell'impianto hanno trovato semplice collegare il filtro. Non è stato necessario adattare lo sfiato del serbatoio.

I risultati

Il filtro di DESOTEC è stato installato all'inizio dell'estate e ha dato ottimi risultati. 

In effetti, l'azienda ha scoperto che il serbatoio di stoccaggio dei rifiuti è la principale fonte di odori della fabbrica, quindi non è stato necessario installare un filtro più grande per l'impianto principale, con un notevole risparmio sui costi. 

Tuttavia, dopo aver risolto questo problema, l'impianto si è reso conto che esiste un problema simile quando le autocisterne vengono a rimuovere i rifiuti. Come il serbatoio dei rifiuti, anche le autocisterne hanno delle bocchette sulla parte superiore, attraverso le quali i flussi d'aria odorosi vengono espulsi man mano che l'autocisterna si riempie. 

Attualmente, questo flusso è trattato con un filtro a carboni attivi di un'altra azienda. Tuttavia, questo sembra essere sottodimensionato e si satura rapidamente. 

DESOTEC sta ora discutendo con la società per installare un ulteriore filtro da collegare alle autocisterne. Si tratterebbe dell'AIRCON 2000 LPF, in grado di gestire la pressione più elevata di questo flusso. 

La compattezza dei filtri DESOTEC li rende adatti a siti industriali affollati, dove le autocisterne caricano e scaricano o dove lo spazio è limitato. Alternative come i biofiltri, un'altra tecnologia spesso utilizzata per il controllo degli odori, hanno un ingombro molto maggiore. 

I nostri filtri sono ideali anche per la produzione discontinua. Mentre i biofiltri richiedono un flusso costante di contaminanti per mantenere in vita i batteri, il carbone attivo può rimanere in standby fino a quando non è necessario. 

Nell'improbabile caso in cui sia necessaria un'assistenza, i tecnici DESOTEC sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ma i filtri sono molto semplici da collegare e utilizzare. 

Una volta saturati, i filtri vengono trasportati nei nostri stabilimenti in Belgio. Qui verranno analizzati dei campioni di carbone, in modo da poter prendere le giuste misure per la gestione e la rimozione del carbone esausto dai filtri mobili. Una volta analizzato e approvato, il carbone esausto viene trasferito in uno dei quattro grandi forni di riattivazione di DESOTEC per rimuovere i contaminanti e preparare il carbone per il riutilizzo. 

Tutte le molecole che sono state adsorbite dal carbone attivo presso i siti dei clienti vengono desorbite nei forni di riattivazione di DESOTEC. Questi contaminanti vengono poi completamente distrutti, in conformità alla legislazione nazionale ed europea, da un impianto di incenerimento e neutralizzazione. L'intero impianto e le sue emissioni sono sottoposti a un monitoraggio online continuo, che garantisce che dal camino esca solo vapore acqueo innocuo. 

Utilizzando il carbonio riattivato, i clienti non solo risparmiano denaro, ma migliorano anche la loro efficienza ambientale.